Full Immersion nel Megalomanismo » viaggi

Posts Tagged ‘viaggi’

21st birthday in Vegas!

Finally I find the time. I’ve been postponing for so long that I’m ashamed of myself. But in between one thing and another I barely have the time to breathe. Before even starting I’d like to say sorry to all those people who wrote me personal e-mails waiting for an answer. I promise I won’t forget; just give me a few days more to get organized. ns22

When I was thinking about writing this article, I felt like I had to say something more than “I went to Vegas for my 21st, dude. I got wasted, I did stuff I cannot even try to describe because it was so crazy, you wouldn’t believe it.” Well, I want to reveal why people call me Pinky. Why? Because it’s somehow related to the day I was born and I feel like that many of you call me so, but have no clue about the meaning behind it.

On the 17th of September, 1989, there was born a purple baby: Francesco. Purple? Oh yeah, indeed. When he was still inside his mother’s belly, the umbilical cord nearly killed him by causing an absence of oxygen. His parents and his siblings were worried about it, but a few days after this weirdo was born, the color became lighter and lighter, almost normal. Just one part remained purple: one big spot right on the bottom of his back. His big brother then somehow, suddenly came up with the ridiculous nickname: Pinky. After 21 years this nickname is still alive. Fortunately here in California none of his friends know about this silly nickname but once he is back to Italy he is sure to find people who are still calling him Pinky – his father included.

Well, after this short story about this unfortunate baby, what about going back to My 21st birthday?

After renting a KIA Spectra, at 10 AM Miss T. and I left San Diego headed to Las Vegas Nevada. Miss T.? Didn’t she go back to Brazil? Yes, she did. She also came back to California just for me, willing to celebrate my birthday together. Over there, my actual roommate Pin – went there by plane – was impatiently waiting for us. So what we were waiting for? Let’s hit the road dammit!

A marvelous view accomapanied us for the duration of the journey.

After 500 miles or so, at around 3 PM we arrived feeling better than what we could imagine.

Once we checked in at the Golden Nugget, we changed and we went to the swimming pool downstairs. The sun hit so badly that we had to hurry because the air was close to be unbreathable. The first thing came up in mind was to get a drink as the mature boy I turned to be, so I got my wallet and my passport and with a puffed chest I asked for 2 Vodka Redbulls, waiting for him to carefully check my id.

Zero. None. Nada. I paid and I went away with my drinks and a sad espression on my face. How was that he didn’t card me at all for such an alcoholic beverage like a Vodka Redbull? I remembered how they used to asked me the id for a freakin’ water and now that I ordered a drink for men, nothing, nada. It sucked!

After a couple hours spent in this awesome swimming pool we went in the room upstairs enjoying the comfort of one of the best king bed I’ve ever ██████ in. (Thanks for the censorship Gonzo.)

At night, we ended up being so tired that we really couldn’t do anything more than taking a walk on The Strip, the main street in Vegas and enjoy the night lights, which was not little anyways. Miss T. thinking that it was funny, bought one of those alcoholic slurpy kind of things served in a stripteaser glass that tasted delicious and looked ridiculous at the same time. And, by the way yes, Miss T. got jealous that I was touching the glass’ butt! ns27

The day after, feeling much better, we decided to hit the road as early as we could to go to the Stratosphere, the highest hotel in Vegas which is equipped with roller coasters right at the top of it. On our way to the car, we passed across the swimming pool. Why should we have been in a hurry? A couple hours in the swimming pool just to start the day in the right way wasn’t going to hurt anyone. ns3

around 12 AM we left the swimming pool headed to the sky.

After riding the X-scream we decided to leave the Stratosphere to go where Pin was waiting us. On our way down, I saw a young girl that was taking caricatures and I really couldn’t resist. I’ve always liked caricatures; they exaggerate  the unique features of someone in a funny way. I just love them and I love this one in particular.

After almost one hour of walking up and down to Vegas, we found Pin (it is still hard to… I’d rather  say it is still an impossible mission to comunicate with him on the phone). I still remember that episode where I was trying to teach him how to say “buddy”. Instead of saying “buddy” he would say “party”. And I was like, “no dude, not party, buddy! Check this out. You are saying P not B. Do what I do: B-B-B…BbBbBb”, and he went like “P-P-P…Pp Pp”.

Well Miss T. had the clever idea to frame this moment.

Pin and I love to take retarded pictures together. Our favorite pose is the one where we need to stay as serious as we can. Some people think we are just stupid, others think we are hilarious. Obviously, we are hilarious.

After a couple pictures, we went shopping at one of those big malls. I got a nice pair of shiny black shoes for the night: when you want to party in Vegas you better look fine because they let you enter in the club just if you are perfectly matching with all those other rich figli di papá in there. Got the shoes. Got the energy. Got the age. What the hell? What can stop me now?

Thanks God, the party is around the corner. The adrenaline is coming up. Vegas, the night, oh my God I still feel it inside me!

We got dressed and around 9.30 PM we were already in line to get in. I had to sell one of my lungs to enter but Jesus Christ it was worth it!

Well XS is the only club I’ve ever been so far here in America so I don’t really have much to compare it with, but I can guarantee you that we don’t have anything like it in Italia!

Every time I go to Vegas I feel like I go the City of Sin and the whole idea is very exciting… Hundreds of buildings designed to entertain people (and get their money) but, at the same time, give them the highest level of excitement that can’t be found anywhere else. Vegas makes you feel important. Then, once you get home with minus $200,000 in the bank account you also feel miserable, but damn, it is worth it!

Thanks Miss T. Thanks Pin. I love you!

P.S. In this article I said everything and nothing of what happened over there.

“What happens in Vegas stays in Vegas.” No doubt about it!

Mount Soledad

Un  paio di giorni fa’ mi e’ capitato di noleggiare un macchina per un paio di giorni dividendo le spese con Peter e Tabata ed uno dei posti in cui siamo avventurati e’ stato Mount Soledad, o meglio la cima di San Diego. Il panorama ovviamente e’ eccezionale ed e’ per questo che vi ho portato un mini-filmato (anche se la qualita’ sfortunatamente non e’ delle migliori).

Enjoy it up! ns22

A rinsentirci presto!

[aggiornamento 14.4.10] Questo signori e signore, sembra essere stato il peggiore articolo scritto dall’apertura di questo blog. Quindi, in onore di questo evento, sono felice di proclamare il soprastante post “L’articolo piu’ dimmmerda dell’anno”. (vedi foto allegata)

Santa Barbara

Grazie a questi attesissimi giorni di vacanze primaverili, Francesco e Peter sono finalmente riusciti ad organizzare una mini vacanza. Una semplice break di tre giorni a Santa Barbara al nome del distacco e della voglia di passare un paio di giorni fuori casa. Dopo sei ore di treno siamo arrivati. Dopo aver fatto il check in all’ostello ci siamo uniti ad una amica di Peter e ad un’amica dell’amica e abbiamo girato la zona in macchina visitando posti interessanti come la baia Rincon, dove vengono organizzati alcuni dei piu’ importanti surf contest del mondo, ed una piccola citta’ vicino a Santa Barbara riconosciuta per essere un posto assolutamente paradisiaco: case da sogno sulla spiaggia, giardini giganteschi, etc.

Ecco alcuno foto:

A risentirci alla prossima.

Halloween pictures!

Per chi non le avesse ancora viste su Facebook, ecco qua le foto scattate in Vegas.

Ringrazio Govaz per averci raggiunto in Vegas da San Francisco.

Per oggi e’ tutto. A risentirci presto!

Rieccomi qua sano e salvo!

Salve bella gente, come andiamo?? Cavolo ragazzi, quanto mi dispiace di aver dovuto annullare l’ultima cena dopo aver distrattamente perso il portafoglio proprio l’ultimo giorno prima di partire per venire qua: mi e’ proprio dispiaciuto un sacco, soprattutto per i GPA con cui ultimamente non mi ci ero visto troppo spesso.


Beh, comunque almeno il portafoglio e’ tornato indietro con un tanto di soldi dentro (15 euro) ancora li dove li avevo lasciati!

In ogni modo cambiando discorso, sono arrivato a San Diego verso le 10 di ieri sera dopo un viaggio semplicemente perfetto, con tanto di champagne a quantita’ illimitata e liste senza fine di musica e film, disponibili in ogni secondo del viaggio (giusto per farvi capire, mi sono guardato la prima puntata della seconda serie di “Californication” e mi sono messo ad ascoltare deep music tenendo il ritmo gesticolando ridicolmente in mezzo ad un mucchio di uomini d’affari.. bello eh?!). Tanto per piazzare la ciliegina sulla torta mi piacerebbe specificare uno dei lussi che mi hanno colpito di piu’ della business class: il posto a sedere diventa un letto a tutti gli effetti.

A parte il viaggio piuttosto confortevole non ho molto altro da raccontarvi. Come molti di voi sapranno gia’, per i prossimi 20 giorni staro’ nella casa di uno degli americani che conosco qua a San Diego. La parte interessante di questi 20 giorni sara’ convivere con altre 5 ragazze che dividono la casa con lui, il problema e che tra una cosa e l’altra non ho ancora avuto il piacere di conoscerle ma appena lo faro’ vi aggiornero’ il piu’ dettagliatamente possibile.

Quindi ragazzi, dopo queste due righe vi lascio e vi saluto.

Al piu’ presto!

Bye Bye Italy!

Ciao a tutti ragazzi. Questo articolo verra’ automaticamente pubblicato nell’esatto momento in cui decollero’ da da Milano Malpensa. L’itinerario sara’ da Milano a Parigi, per poi ripartire da Parigi ed arrivare a Salt Lake ed infine l’ultimo volo sara’ da Salt Lake diretto a San Diego. Quindi conterei di arrivare verso le 7 di mattina del giorni dopo ossia il 31 Luglio. 

A questo punto, dopo avervi riassunto tutti questi interessantissimi dettagli, vorrei ringraziare tutte quelle persone che mi sono state vicine questo ultimo mese passato in Italia, e nello stesso tempo vorrei salutare tutti quelli che non ho salutato questi ultimi giorni (vedi Vicina Di Casa, Jacopo, Agu, Leti, Ste, Sorella Di Ste, ecc ..).. Mi mancherete tutti quanti ragas!!!

Invito nuovamente tutti quanti a seguire la seconda parte di “Le avventure del Californiano : alle prese con il college” ns78

Ciao a tutti quindi e a risentirci dall’altra parte del mondo!

P.S. Anche dopo essere riuscito a perdere un portafoglio la giornata prima di partire per l’avventura piu’ importante della mia vita, sono riuscito a farcela (per modo di dire.. tra due anni, mi tocchera’ duplicare tutti i documenti.. in Italia.. .. ..).

Ritorno nello stivale!

Ciao a tutti ragazzi.. Come va?!

Ormai oggi e’ il terzo giorno che sono qua a Reggio nell’Emilia. Eggia’, sono arrivato il 13 Giugno verso le 6 di mattina all’aeroporto di Milano Malpensa. Ebbene si, anche se sono qua a Reggio, ho deciso di scrivere quest’ultimo articolo conclusivo di questa bellissima esperienza ormai arrivata al termine trascorsa in California. La prima cosa che mi viene da scrivere e’ che emotivamente penso di sentirmi come una donna mestruata con sbalzi di umore paurosi. Mi puoi trovare in un momento in cui mi sento felicissimo di essere di nuovo qui, per esempio come mi e’ successo 2 giorni fa’, rivedendo dopo tanto tempo le costruzioni vecchio stile lungo la via Emilia osservandole come potrebbe fare solo il classico turista newyorchese che ha la sua settimana di ferie da passare in Italia, poi pero’ subito dopo, mi sento come un bambino di sei anni a cui i genitori tolgono l’isola dei Gormiti perche’ e’ venuta l’ora di andare a dormire.

A scuola l’ultimo giorno me ne avevano parlato di questo “reverse feeling” che avrebbe stravolto un po’ tutto quanto, dicendomi pero’ che e’ una sensazione piu’ che normale di cui non ci si bisogna preoccupare assolutamente. Io come al solito, che la maggior parte delle volte sottovaluto qualsiasi cosa, non ci avevo dato poi tutta quell’importanza ma alla fine dei conti devo proprio dire che avevano ragione. Diciamo che un buon 60% di me vuole essere ancora la a parlare quella magnifica lingua che e’ l’inglese stando con quei babbioni degli Americani e mangiando pane burro e colesterolo, l’altro 40% vuole stare qua, alla ricerca del riadattamento. La cosa strana e che se provo a ritornare indietro provando a ricordare cosa provavo 3-4 giorni fa la storia era differente. Probabilmente era esattamente l’opposto, con la voglia di voler tornare che prevaleva sulla voglia di star li. Pensate che mio padre mi aveva detto che potevo stare la un altro paio di settimane senza la besia della scuola, ma io senza pensarci due volte gli ho detto che volevo tornare come prestabilito. Cazzo se ci penso, ho passato un 5% della mia vita in un’altro posto, diciamo che posso permettere al mio cervello di essere un attimo disorientato.

In ogni modo la mia situazione attuale e’ la seguente. In una settimana sapro’ il risultato del famoso Toefl e quindi sapro’ anche se sara’ possibile tornare in America per studiare al college. Nel caso vada bene, verso meta’ Agosto dovrei essere con le valigie pronte per prendere l’aereo, nell’altro caso invece dovro’ trovare un piano B. Sapete che perdita se non torno piu’ negli USA e voi non avrete piu’ la fortuna di leggere “Full immersion nel megalomanismo”?! .. Non posso proprio immaginare di entrare nei vostri panni..


Avevo intenzione di fare un video o qualcosa per concludere tutto questo.. ma io non mi sento concluso neanche un po’ !! Io voglio essere sicuro che non ci torno piu’ negli USA prima di pubblicare un video strappalacrime con la scritta “THE END” alla fine. Adesso anche voi con me, pazientate queste cazzo di due settimane in attesa del risultato del test, sperando e pregando che tutto sia andato bene.

Ah e per concludere l’articolo, un paio di foto dell’ultima sera!

Ok, quindi alla prossima per il grande notizione!!